I test di Psicologialondra: 15 domande che possono darti una mano ad identificare un problema.

 

Questo test non ha nessun valore di diagnosi e non può sostituire il parere di un esperto.

 

Legga attentamente le domande e risponda sinceramente.

ADHD o Non ADHD?

 

Questo questionario è stato pensato per essere compilato da un genitore o da un adulto responsabile del bambino.

Leggi attentamente le descrizioni di alcuni comportamenti riportate di seguito, e prova a capire se il bambino che hai in mente si comporta, molto spesso e non solo qualche volta, in questo modo. Prendi nota delle frasi che descrivono il bambino (Si) e di quelle invece non adatte (No).

 

1)      Il bambino fa davvero fatica a fare attenzione ai dettagli: ad esempio, non riesce in giochi simili a “ trova le differenze”.

2)      E’ davvero difficile per il bambino mantenere l’attenzione per periodi di tempo lunghi (ma attenzione: quarantacinque minuti di compiti scolastici sono un tempo davvero lungo per un bambino di 7 anni!).

3)      Il bambino parla troppo e non riesce ad aspettare il proprio turno per parlare.

4)      Durante i compiti o giochi tranquilli, tutto ciò che c’è intorno (oggetti anche familiari) sono un’ottima fonte di distrazione.

5)      Il bambino cerca di evitare non solo i compiti, ma anche giochi che richiedono concentrazione (giocare a carte, leggere una storia, giochi a turno, ecc.).

6)      È davvero difficile per il bambino organizzare le proprie attività: ad esempio, se deve fare i compiti di geometria, non ricorda qual è il quaderno giusto, dimentica la matita, dopo dieci minuti si accorge di aver bisogno del righello, ecc.

7)      Il bambino fa molta fatica a portare a termine compiti lunghi, ad esempio colorare schede grandi, fare le “sequenze numeriche”, scrivere un tema, ecc.

8)      Il bambino non riesce a rispettare i turni di gioco o regole complicate.

9)      Il bambino si muove di continuo: ogni 5 minuti deve alzarsi e/o non riesce a stare fermo sulla sedia.

10)  Il bambino sembra sempre avere la testa tra le nuvole.

11)  Il bambino cambia gioco di continuo (anche se all’inizio è entusiasta e interessato, dopo poco la sua attenzione è catturata da qualcosa di diverso).

12)  Spesso il bambino non lascia il tempo alle altre persone di finire le domande o un discorso, risponde troppo presto o “spara” risposte a caso.

13)  Il comportamento peggiora quando ci sono poche regole, poco controllo da parte di un adulto, o quando la situazione non ha niente di nuovo.

14)  Il bambino ha difficoltà con le emozioni

15)  Spesso è frustrato o arrabbiato e può diventare aggressivo.

 

Se ha risposto “Si” a meno di 6 domande, il problema non sembra essere il Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività. Le difficoltà del bambino possono essere dovute ad un altro problema.

Se invece ha riconosciuto come adatte a descrivere il bambino (risposte si) più di 6 affermazioni, le chiediamo di rispondere ad ulteriori domande:

1)      I voti a scuola non vanno bene, le maestre si lamentano del comportamento e/o il bambino non ha tanti amici.

2)      E’ un’impresa gestire il comportamento del bambino, non solo a casa o a scuola, ma al ristorante, a casa di parenti, in vacanza, ecc.

3)      La maggior parte di questi comportamenti è presente da prima che il bambino avesse 7 anni.

 

Se ha risposto “No” ad almeno una di queste domande, almeno per il momento il problema potrebbe non essere serio. Questo non vuol dire che il bambino non stia avendo un periodo difficile, ma che le difficoltà che sta incontrando non sono gravi da giustificare un serio allarme.

Se invece hai risposto “Si” alle tre domande, potrebbe essere indicato avere il parere di uno specialista.

 

Cerchi aiuto? Trova un terapeuta qui

Leggi di più sull’ADHD.

E non esitare a contattaci per maggior informazioni scrivendo a info@psicologialondra.com

Write a comment:

*

Your email address will not be published.